Consiglio comunale, polemiche sugli usi civici. Oggi si replica sul Porto

Tutti i provvedimenti sono comunque passati con i voti della maggioranza ma soprattutto il Movimento 5 stelle ha polemizzato parecchio

Si è svolto il primo round dei consigli comunali che si stanno tenendo in questo fine di novembre. Bilancio, in relazione ad alcune variazioni e usi civici, quest’ultimo tema caldo che ha determinato l’uscita dall’aula Pucci dell’opposizione. Tutti i provvedimenti sono comunque passati con i voti della maggioranza ma soprattutto il Movimento 5 stelle ha polemizzato parecchio. “Durante il consiglio comunale la maggioranza  – raccontano i pentastellati – ha fatto un atto di prepotenza, non solo nei confronti dell’opposizione e di tutto il consiglio comunale, ma soprattutto dei cittadini vittime del problema degli usi civici. Infatti era stato preso l’accordo in capigruppo di discutere subito e rapidamente un ordine del giorno sugli usi civici presentato dal Movimento 5 Stelle, sottoscritto e condiviso da tutti i capigruppo in cui si chiedeva alla regione di annullare la determinazione che stabiliva la presenza di usi civici in Bandita delle Mortelle. Vista l’ingiustificata fretta della maggioranza e soprattutto del consigliere D’Amico che evidentemente non riconosce un ruolo prioritario al consiglio comunale, ci siamo impegnati a non intervenire e non discutere l’atto ma a votarlo in pochi minuti. Nonostante ciò ci è stato negato e come ha detto il consigliere D’Amico “finalmente oggi la maggioranza ha fatto la maggioranza”. La maggioranza ha imposto di discutere prima i propri atti di bilancio mancando di rispetto a tutti, pertanto come opposizione abbiamo lasciato i banchi del consiglio in segno di protesta. Alla fine del consiglio la maggioranza ha comunque illustrato la mozione scritta dal Movimento cinque stelle e l’ha votata all’unanimità a dimostrazione del fatto che si trattava di un atto valido. Un’amministrazione che anziché produrre atti chiacchiera e fortunatamente approva atti redatti dal M5S , che si riempie la bocca di parole come dialogo e collaborazione e dimostra nei fatti la sua arroganza mancando di rispetto al consiglio comunale”. Oggi secondo round, si replica a partire dalle 15,30 con un altro argomento importante, sviluppo del territorio in relazione al ruolo del Porto.