Conferenza capigruppo in piedi grazie alla minoranza, Attig, Lucernoni e Piendibene: “Una maggioranza al capolinea”

"Come minoranza ci siamo presentati con l'intento di accelerare l'iter, già troppo lungo, per la riqualificazione della Frasca, ma il consigliere Cacciapuoti con un nervosismo sopra le righe si è alzato e ha abbandonato i lavori"

“Questa mattina si è tenuta una conferenza dei capigruppo al limite del paradossale: come minoranza ci siamo presentati con l’intento di accelerare l’iter, già troppo lungo, per la riqualificazione della Frasca, ma il consigliere Cacciapuoti con un nervosismo sopra le righe si è alzato e ha abbandonato i lavori semplicemente perché dalla minoranza la consigliera Lucernoni ha fatto notare che la conferenza si stava svolgendo ancora una volta grazie alla minoranza (infatti la maggioranza era in 11). Quindi la maggioranza ha dimostrato che oltre a non avere il numero legale non ha neanche la consapevolezza che per approvare atti importanti per la città, come la riqualificazione della Frasca, ha bisogno della presenza dell’opposizione. Che dire…Forse i dubbi del consigliere Boschini sulla riqualificazione della Frasca sono condivisi da altri suoi colleghi? Questa maggioranza, dalla evidente immaturità politica, è sempre più ripiegata su se stessa e dà la chiara percezione di non essere in grado di governare Civitavecchia perché divisa su interessi che spesso confliggono tra loro ed è una situazione che non potrà durare a lungo”. I capigruppo Piendibene, Attig e Lucernoni.