Confcommercio: “Aspettative disattese. Serve assessore e commissario allo sviluppo economico”

"La Confcommercio, in queste settimane si è unita a realtà associative locali in un clima di coesione tra gruppi di categoria, per spendere maggior forza ed energia nella ricerca di provvedimenti, già posti in questi mesi all’attenzione degli amministratori locali, a favore di tutto il commercio cittadino"

“La pandemia ha accentuato e accelerato la già grave crisi economica del settore terziario di Civitavecchia, in questo ultimo periodo si registra un aumento della disoccupazione, una crisi dei consumi che mette in difficoltà tutta la categoria quale artigiani, commercianti ed imprenditori, ormai allo stremo e un elevato disagio sociale con un preoccupante aumento della povertà. La Confcommercio, in queste settimane si è unita a realtà associative locali in un clima di coesione tra gruppi di categoria, per spendere maggior forza ed energia nella ricerca di provvedimenti, già posti in questi mesi all’attenzione degli amministratori locali, a favore di tutto il commercio cittadino. Purtroppo ad oggi le aspettative sono state disattese.
Siamo favorevoli alla nomina di un assessore forte che tuteli la categoria e abbiamo la necessità che le deleghe del Commercio, Turismo, Trasporti, Cultura e Sviluppo siano unite, solo in questo modo l’amministrazione può dimostrare una effettiva vicinanza alla categoria. Quello che più preoccupa i commercianti è la programmazione del vero rilancio commerciale della città che, attualmente, è sprovvista di basi, idee, progetti e uomini adeguati all’emergenza e che conoscano a fondo le realtà imprenditoriali. Ecco perché si richiede la nomina tecnica di un assessore e commissario allo sviluppo economico Civitavecchiese, che in accordo con le categorie, può essere solo il primo passo per far fronte alle reali problematiche che ogni giorno i commercianti vivono. Abbiamo necessità di programmare il futuro, abbiamo la necessità di gestire il tragico presente ma non abbiamo bisogno di scelte dettate esclusivamente da tatticismi politici. Ora è il momento di agire e salvaguardare la linfa di questa città, è il momento di agire ed ascoltare il cuore pulsante di Civitavecchia”, lo dichiara la Confcommercio.