“Concorsone” di Allumiere, l’opposizione all’attacco: “Perchè Pasquini non da seguito al parere pro veritate?”

"Sono passati ormai più di dieci giorni dalla data riportata in calce al documento dell’avv. Trippanera, per quanto tempo ancora Pasquini abuserà della pazienza degli allumieraschi? Più passa il tempo in questa indecisione, più si arreca danno ad Allumiere", Lo dichiarano i consiglieri comunali Simone Ceccarelli (LeU/Art.1), Giovanni Sgamma (FI), Roberto Taranta (M5S)

“Da troppi giorni Pasquini costringe Allumiere e i suoi cittadini ad uno stallo politico e istituzionale del quale è responsabile e dal quale non sa più uscire. Alla bocciatura ricevuta dal parere pro veritate sulla correttezza del concorso non è seguita nessuna azione. Cosa aspetta Pasquini? Che la tempesta passi da sola e questa storia finisca nel dimenticatoio? Perché la sua maggioranza, che pure ha difeso con forza l’importanza del parere pro veritate, oggi non prende una posizione? Pasquini continua a ciurlar nel manico, ma deve dire chiaramente se, in merito all’annullamento del concorso, vuole rispettare o disattendere il verdetto del parere che egli stesso ha chiesto e che il comune di Allumiere ha pagato. Sono passati ormai più di dieci giorni dalla data riportata in calce al documento dell’avv. Trippanera, per quanto tempo ancora Pasquini abuserà della pazienza degli allumieraschi? Più passa il tempo in questa indecisione, più si arreca danno ad Allumiere. Pasquini deve decidersi: se il concorso è regolare come sosteneva lui nell’articolo di Bignotizie del 27 marzo, lo dica chiaramente e tuteli i legittimi vincitori del concorso, se invece ha ragione Trippanera, Pasquini si assuma le responsabilità del ruolo che gli compete e, subito dopo, se ne vada a casa. A causa sua, Allumiere, di tempo ne ha già perso fin troppo”. Lo dichiarano i consiglieri comunali Simone Ceccarelli (LeU/Art.1), Giovanni Sgamma (FI), Roberto Taranta (M5S). Intanto fra le nuove criticità, oltre a quelle già note sulle procedure e sulla graduatoria, si aggiungerebbe anche quella sulla determinazione dove si doveva attestare la graduatoria finale dei vincitori. A quanto sembra mancante.