Concorsone ad Allumiere, l’opposizione attacca: “Compiti passati alla madre di un candidato? Pasquini non smentisce. Vogliamo un’assise aperta”

"Ci saremmo aspettati una sua immediata smentita, una sua immediata denuncia, dal momento che la sua giunta ha già assegnato un incarico legale preventivo proprio per tutelare Allumiere da eventuali ignominie. E invece non abbiamo notizia di niente. Arrivati a questo punto, abbiamo deciso di chiedere un consiglio comunale aperto, in modo che possa partecipare tutta la popolazione di Allumiere"

“Abbiamo chiesto più volte a Pasquini di smentire la pesante accusa formulata, non solo da Etruria News, ma anche da vari giornali nazionali (La Repubblica, la Verità, il Messaggero), secondo la quale avrebbe passato un compito alla madre di una candidato. Pasquini non ha proferito parola, né per difendere se stesso, né per difendere Allumiere, comunità della quale, se non se n’è accorto qualcuno glielo dica, è sindaco. Ci saremmo aspettati una sua immediata smentita, una sua immediata denuncia, dal momento che la sua giunta ha già assegnato un incarico legale preventivo proprio per tutelare Allumiere da eventuali ignominie. E invece non abbiamo notizia di niente. Arrivati a questo punto, abbiamo deciso di chiedere un consiglio comunale aperto, in modo che possa partecipare tutta la popolazione di Allumiere. Così, anche se Pasquini non sa cosa dire alla stampa e si sottrae, non potrà sottrarsi dal dover rendere conto direttamente al suo popolo”. I Consiglieri Comunali Simone Ceccarelli (LeU/Art.1), Giovanni Sgamma (FI), Alessio Sgriscia (FDI), Roberto Taranta (M5S).