“Concorsone” ad Allumiere, il giallo di Natale a Civitavecchia. In arrivo nuovo consiglio comunale

La Commissione ha chiesto spiegazioni al sindaco di Civitavecchia sull'assunzione di un suo ex articolo 90, il quale avrebbe poi rinunciato all'incarico presso l'Anagrafe e subito dopo sarebbe stato chiamato dal consiglio regionale

Il sindaco Ernesto Tedesco è stato audito lunedì scorso in Commissione Trasparenza in Regione Lazio. Fra le domande e le richieste che hanno avanzato i commissari, a cominciare dalla presidente Chiara Colosimo, è emerso un vero e proprio giallo avvenuto durante le festività natalizie. E invece proprio in quella fase, secondo quanto emerso durante l’ultima commissione, si sarebbero registrate assunzioni, rinunce e di nuovo assunzioni nel giro di poche ore. La Commissione ha chiesto spiegazioni al sindaco di Civitavecchia sull’assunzione di un suo ex articolo 90, il quale avrebbe poi rinunciato all’incarico presso l’Anagrafe e subito dopo sarebbe stato chiamato dal consiglio regionale. “Il tutto nei giorni delle festività natalizie – ha detto proprio la Colosimo, insieme ad altri commissari – combinazioni e velocità di esecuzione amministrativa che sorprendono non poco”. Durante il confronto da remoto è arrivata la conferma della non ricezione della graduatoria definitiva nemmeno da parte del Pincio, che al contrario di altri enti, non ha sottoscritto convenzione con il Comune di Allumiere. “Ho avuto un confronto con il segretario generale – ha risposto Tedesco – se il Comune di Allumiere annullerà in autotutela il concorso allora noi casseremo le assunzioni fatte. Ora trasmetterò tutti gli atti a nostra disposizione”. Intanto domani si terrà un nuovo consiglio comunale ad Allumiere. All’ordine del giorno il dibattito sul parere pro-veritate.