Concorsone ad Allumiere, dopo l’ex collaboratore del Pincio arrivano altri indagati

Tre idonei del chiacchierato concorsone di Allumiere, fra i quali un papà e suo figlio, tutti per favoreggiamento

La Procura di Civitavecchia avrebbe iscritto sul registro degli indagati altri tre idonei del chiacchierato concorsone di Allumiere, fra i quali un papà e suo figlio, tutti per favoreggiamento. Dopo l’indiscrezione legata all’ex collaboratore del Comune di Civitavecchia, ora assunto in Regione, sale ancora il numero delle persone indagate. Come è noto gli avvisi sono già arrivati a tutta la commissione d’esame e al sindaco Antonio Pasquini (al presidente della Commissione Andrea Mori anche il divieto di dimora a Tolfa e Ladispoli). I tre avrebbero avuto dei contatti proprio con la Commissione, aspetto che gli inquirenti avrebbero scoperto grazie al lavoro svolto sui cellulari, sequestrati nei mesi scorsi. Salgono a nove gli indagati in questa inchiesta portata avanti dai Carabinieri di Civitavecchia su mandato della Procura.