Concorso annullato dalla Asl Roma 4, si va verso la class action. Avviati contatti con due studi legali di Roma

Fra i motivi della contestazione le motivazioni che hanno indotto la Roma 4 a cassare il concorso, ovvero sia i quesiti ritenuti in qualche modo irregolari

Duecentocinquanta candidati rimasti a secco. Dopo la decisione della Asl Roma 4 di cestinare il concorso per l’assunzione di 22 amministrativi da categoria C, 14 alla Roma 4, 8 alla Roma 5, i partecipanti stanno cercando di fare scudo per rimettere in discussione la revoca. Arrivano conferme sempre più concrete sulla possibilità di una class action, un’iniziativa collettiva utile a dare un segnale all’azienda sanitaria locale. Si registrano contatti avviati in questi giorni con un paio di studi legali di Roma, coinvolti pure per altre situazioni simili che si sono concretizzate nelle ultime settimane a Latina e Frosinone, mentre si sta pianificando anche la costituzione di un comitato apposito. Fra i motivi della contestazione le motivazioni che hanno indotto la Roma 4 a cassare il concorso, ovvero sia i quesiti ritenuti in qualche modo irregolari. Dei quattro evidenziati, uno sarebbe sbagliato, per il secondo sembrerebbe non corretta la risposta ritenuta giusta dalla commissione, mentre nelle altre due la domanda sarebbe stata formulata in maniera ambigua. A meno che le motivazioni non sia anche altre, ma che non sono state pubblicate nella deliberazione del 28 giugno.