“Con la nuova Provincia tante opportunità per Tolfa. Il Pnrr? In cantiere diversi progetti”

In vista dell’uscita del Comune di Tolfa dalla Città Metropolitana di Roma, il paese, con la sindaca Stefania Bentivoglio alla guida dell'ente locale, si prepara ad una nuova prospettiva, il distacco da una provincia di 3 milioni di abitanti. Un passaggio cruciale che potrebbe cambiare le carte in tavola per il territorio

In vista dell’uscita del Comune di Tolfa dalla Città Metropolitana di Roma, il paese, con la sindaca Stefania Bentivoglio alla guida dell’ente locale, si prepara ad una nuova prospettiva, il distacco da una provincia di 3 milioni di abitanti. Un passaggio cruciale che potrebbe cambiare le carte in tavola per il territorio

Quali saranno gli orizzonti futuri per Tolfa con l’adesione alla nuova provincia “Porta d’Italia”?

“Siamo ancora all’inizio di un percorso articolato e non semplice che va seguito con attenzione e su cui l’ultima parola spetta al legislatore ma penso che se si riuscisse a concretizzare avremo l’opportunità di vedere realizzati dei percorsi a misura di realtà su un territorio omogeneo, chiaro, in rapporto al numero di abitanti e di densità. Ci sarà inoltre la possibilità di avere servizi a misura del cittadino, tutto questo assieme ai Comuni limitrofi che vi hanno aderito come Fiumicino, Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Allumiere e Santa Marinella”.

Con i fondi ottenuti dal Pnrr, quali saranno i nuovi interventi da realizzare nel paese?

“Una prima linea è stata quella che ha puntato, attraverso sei progetti, alla messa in sicurezza e all’implementazione dei servizi scolastici, con un potenziamento antisismico, alla messa in sicurezza della palestra di Tolfa, alla realizzazione della mensa del plesso di Santa Severa Nord e di un piccolo nucleo per l’infanzia, alla sistemazione del Nido per l’infanzia di Tolfa e alla realizzazione della pista di atletica alla scuola secondaria di I grado, per poter fare educazione fisica outdoor. Una seconda linea d’azione è stata dedicata al ripristino e alla messa in sicurezza di 32 km della strada del Marano, partita già con la precedente amministrazione, una strada praticata da agricoltori e turisti, nonché dagli abitanti del Comune e dei paesi limitrofi. Un altro progetto vede l’attuazione di quattro cantieri per la linea “Borghi”: il primo, con la ristrutturazione dei locali del “Mugnitore”, che verrà trasformato in una residenza artistica di una struttura del Comune; il secondo, la trasformazione del “Palazzaccio” in un PIT, ma anche in Museo Virtuale Interattivo, dedicato all’identità tolfetana”.

Ci saranno anche diverse aree di intervento?

“Lavoreremo alla realizzazione di corsi di formazione per la lavorazione del cuoio (catane, selle, cinture…) così da mantenere vivi i mestieri locali, e il quarto, riguarderà la ripavimentazione della Piazza Vecchia, con la rimozione dell’asfalto ed una nuova riqualificazione. Altri Progetti vedranno coinvolti tredici imprenditori che avranno l’opportunità di investire in attività locali e la riqualificazione del Palazzetto dello Sport”.

Cristiana Boriosi