La Tirreno Atletica protagonista alla premiazione annuale della FIDAL

Tre i civitavecchiesi chiamati a ricevere un significativo riconoscimento dalle mani del Presidente regionale Fabio Martelli presso il Palazzo delle Federazioni sportive del Coni

42

La Tirreno Atletica Civitavecchia di nuovo ai vertici dell’atletica regionale. La conferma è giunta giovedì 11 aprile a Roma con la premiazione dell’attività agonistica 2018 da parte della FIDAL Lazio. Tre, infatti, i civitavecchiesi chiamati a ricevere un significativo riconoscimento dalle mani del Presidente regionale Fabio Martelli presso il Palazzo delle Federazioni sportive del Coni.
Accanto a lui la Signora Mennea, che ha voluto donare al Comitato regionale FIDAL alcune targhe vinte dal grande Pietro nel corso della sua formidabile carriera.
L’emozione, per i tre rappresentanti della Tirreno Atletica, è stata palpabile; sugli scudi il giovane Matteo Bonamano, classe 2006 e nel 2018 Campione regionale di salto in lungo indoor nella categoria Ragazzi, con la misura di 4,20m; prestazione poi migliorata e portata successivamente a 4,54m. Con lui anche Lucrezia Adamo, civitavecchiese classe 2001 in forza alla reatina Studentesca Andrea Milardi, premiata per il bronzo conquistato ai Campionati italiani Allieve sulla distanza dei 3.000m con un personal best di 10’12”; un vero talento, quello seguito dal coach Claudio Ubaldi, che si sta segnalando come una delle giovani più interessanti nel panorama laziale.
E non a caso, proprio al Presidente della Tirreno Atletica Ubaldi è stato consegnato un doppio importante riconoscimento: il primo dalla FIDAL Lazio, in qualità di tecnico, per i brillanti risultati conseguiti dai suoi atleti; il secondo, ancora più ambito e prestigioso, dalla FIDAL nazionale, con la consegna della “Quercia di I grado” per i meriti acquisiti come atleta, dirigente e allenatore nella sua lunga carriera sportiva, contribuendo a dare lustro all’atletica e avvicinando numerosi ragazzi alla “Regina degli sport”.
Questa, infatti, la menzione a supporto del premio: “Atleta fin da giovanissimo, ha iniziato a 13 anni con i Giochi studenteschi, ha poi continuato come agonista; componente della squadre delle Fiamme Gialle e presenze nella squadra azzurra; tecnico di atleti a rilevanza nazionale e Presidente di una società che ogni anno vede crescere le adesioni al campo di atletica. L’Attività di promozione con le scuole e la figura di collaboratore con la FIDAL Lazio vedono delineare meglio il profilo di Claudio Ubaldi. Le doti umane di empatia e correttezza insieme alle capacità tecniche, lo rendono un punto di riferimento per chiunque ”.
La certificazione, dunque, che l’atletica cittadina è veramente tornata ai suoi antichi splendori.