“Cerveteri esce dalla Città Metropolitana? Becera congiura di palazzo”

"Un provvedimento che avrà pesanti ripercussioni sul territorio, adottato, senza alcun coinvolgimento dei cittadini e del tessuto sociale e produttivo locale", lo dichiara la consigliera regionale del Pd Lazio, Michela Califano

“Quanto accaduto ieri a Cerveteri è vergognoso. Approfittando di una incomprensibile crisi politica che da settimane sta minando la stabilità della amministrazione Gubetti, una parte della maggioranza, con un indegno giro di valzer, ha approvato una risoluzione dell’opposizione con la quale si decide di staccarsi dalla Città Metropolitana di Roma Capitale e aderire alla micro Provincia del sindaco di Fiumicino Baccini. Un provvedimento che avrà pesanti ripercussioni sul territorio, adottato, senza alcun coinvolgimento dei cittadini e del tessuto sociale e produttivo locale. La decisione di istituire una nuova provincia e farne parte non può essere presa all’interno di caminetti ristretti e con una congiura di palazzo.

Al contrario deve partire dal basso, con un percorso condiviso e un referendum che dia voce a chi quella decisione la subirà. Purtroppo invece assistiamo allo stesso schema che il Governo Meloni ha attuato con Autonomia differenziata e Premierato. Una metodologia antidemocratica e sprezzante di una destra sempre più arrogante. Come Pd attendiamo di capire se dal voto di ieri è emersa una nuova maggioranza di cui evidentemente non saremmo disponibili a far parte”. Lo dichiara la consigliera regionale del Pd Lazio, Michela Califano.