Caos Csp, Fiadel chiede la testa della Sanfelice di Bagnoli: “Si comporta da Direttore generale ed è vicina al Pd”

Duro attacco della sigla sindacale al consigliere di amministrazione della partecipata. "Dalla visura effettuata dalla Camera di Commercio sembrerebbe non avere poteri operativi, ma solo deliberativi"

264

“L’igiene urbana, è oramai nel caos organizzativo più assoluto. Errata rideterminazione delle zone di raccolta con i rifiuti in mezzo alla strada presenza orari di presenza dei preposti non in coerenza con gli orari degli operatori, officina meccanica chiusa ecc. A ciò si aggiunga l’operato della Consigliera di Amministrazione Valentina Sanfelice di Bagnoli che dalla visura effettuata dalla Camera di Commercio sembrerebbe non avere poteri operativi, ma solo deliberativi. Però la Consigliera organizza turni d lavoro, incontri con le organizzazioni  sindacali, da disposizione ai dipendenti anche per acquisti, segua la loro attività  e per questo dispone di una auto di servizio, e prenda  iniziative. Un ruolo sicuramente da Direttore Generale non certo da Consigliere di Amministrazione. Giova ricordare che il Direttore Generale (ruolo che ha ricoperto per soli sette mesi presso la Dusty Srl di Catania) è un lavoratore dipendente dirigenziale ossia una figura incompatibile con quella di Consigliere di Amministrazione. Per questo nei prossimi giorni, con la documentazione raccolta, presenteremo un esposto all’INPS e all’ITL di Roma per chiedere agli enti interessati di accertare se vi sono violazioni della normativa previdenziale e del lavoro. Abbiamo criticato per anni, il precedente Cda che si sostituiva alla struttura aziendale (dirigenti, responsabili, ecc.) creando il caos che poi si trasforma, come si è già trasformato in passato, in disastro gestionale. I Dirigenti pertanto  si ritengono, delegittimati, i lavoratori vanno in confusione e pertanto si determina il caos.
Caos che si ripercuote inequivocabilmente sulla gestione della partecipata con il rischio di aggravarne ulteriormente il deficit giustificando il ricorso ad una privatizzazione dei servizi. È curioso come questa giunta a guida Lega abbia scelto di nominare la Consigliera Sanfelice di Bagnoli notoriamente vicina al Partito Democratico e che in passato abbia irriso attraverso i social il leader della Lega Matteo Salvini tanto che il Consigliere Comunale di Civitavecchia Antonio Giammusso Coordinatore Lega con Salvini Civitavecchia  ne ha chiesto le dimissioni. A questo punto, ci chiediamo ma come mai una persona dichiaratamente vicina al partito democratico all’opposizione di questa giunta (come risulta pure da una ricerca su Internet) viene scelta è designata per un incarico così delicato e tipicamente fiduciario da una giunta a guida leghista? Non c’erano altri professionisti di settore? Ci risulta invece che abbiano partecipato all’avviso pubblico e siano stati esclusi dalla scelta manager che nel campo dell’igiene urbana sarebbero sicuramente stati più adeguati uno per tutti il direttore generale di Formia rifiuti zero Dott. Raffaele Rizzo oppure il Dott. Paolo De Felice ex direttore generale di Seport. Entrambi con un passato in Ama e certamente più qualificati della Consigliera Sanfelice. Chiediamo quindi al Sindaco ed alla Assessore Magliani di nominare alla guida della municipalizzata figure professionali capaci e libere da qualsiasi legame politico”. Lo dichiara il Coordinamento territoriale Roma Nord Fiadel.