Calcio, vincono Cerveteri e Ladispoli. Pareggia il Civitavecchia

Sorridono i verdeazzurri, che travolgono per 3-0 l'Ottavia, e i rossoblù che battono per 2-1 la Boreale. Pareggio con tanti rimpianti per i nerazzurri sul campo della Vigor Perconti

Bilancio positivo per le squadre locali impegnate oggi nella terza giornata del campionato di Eccellenza. Vincono Ladispoli e Città di Cerveteri, pareggia il Civitavecchia, ancora a secco di successi.

CITTA’ DI CERVETERI: Seconda vittoria stagionale per il Città di Cerveteri che,  a Roma, supera di slancio l’Ottavia grazie ad una buona prestazione, soprattutto solida: finale 0-3. Protagonista, ancora una volta, Alessandro Di Mario (doppietta per lui) e Filangeri: strepitoso il goal che ha aperto le marcature generali, da parte dell’esperto e troppo spesso sottovalutato, centrocampista di Ostia. “Siamo contenti di questo successo -irrompe Fabio Filangeri- era importante offrire una prestazione concreta e autorevole dopo la bizzarra rimonta col Fiumicino: siamo riusciti nell’intento. Per quanto riguarda il goal che ho segnato è chiaro che mi fa felice pure perché non è stato una rete che si vede tutti i giorni. Ad ogni modo era fondamentale far bene e devo dire che sostanzialmente la squadra ha dimostrato di stare sul pezzo: ora, con molta umiltà ma anche consapevolezza, testa allo Scalo”. Con questa vittoria il Città di Cerveteri sale a quota 6 nella classifica generale in attesa del turno infrasettimanale che vedrà gli etruschi sfidare al Galli l’attuale capolista del girone A Real Monterotondo Scalo.

LADISPOLI: Prima vittoria in questo campionato invece per il Ladispoli. I rossoblù nell’esordio all’Angelo Sale hanno battuto per 2-1 la Boreale. Un gol per tempo per i padroni di casa a segno al minuto 22 con Bezziccheri e al 65esimo con teti. A loro risponde Marinucci per la Boreale ma i 3 punti li prende la squadra di Marco Scorsini che sale a quota 4 in classifica. Mercoledì l’importante sfida al Tamagnini contro il Civitavecchia che dirà molto delle aspirazioni del Ladispoli.

CIVITAVECCHIA: Un buon Civitavecchia non va oltre il pari con la Vigor Perconti. Va sotto ad opera di Russo dopo sei minuti, sbaglia un rigore poco dopo e colpisce tre legni nei restanti minuti, poi ci pensa in avvio di ripresa La Rosa dal dischetto a riacciuffare un pari sacrosanto. Evidenti i miglioramenti rispetto a domenica scorsa. Tante le defezioni in casa Civitavecchia, agli out annunciati di Cerroni e Franceschi si aggiungono quelle dell’ultima ora di Serpieri, Bellumori e Converso, costretti a partire dalla panchina. La Vecchia si presenta con Pancotto tra i pali, in difesa c’è il duo centrale Funari e Fatarella supportati sulle fasce da Gravina e Mancini. Sul centrocampo il duo Bevilacqua-Tollardo, con La Rosa, Pastorelli e Ruggiero a supportare Bucri. Dall’altra parte risponde la Vigor Perconti con Trinchera tra i pali, poi in ordine di maglia Panella, Moro, Di Paolo, Desideri, Ciuferri, Mbaye, Falanga, Russo, Proia e Damiani. Parte bene la Vecchia, pressing e buona manovra, ma al primo vero affondo passa la Perconti. Progressione sulla fascia di Proia, dribbling e cross con la sfera nel mezzo sulla testa di Russo, che solo davanti alla porta sguarnita non ha problemi a insaccare. Strada in salita per i neroazzurri. La gara si stabilizza, la Vecchia mantiene il possesso ma in alcuni frangenti manca di lucidità e profondità. La Perconti però non punge e il Civitavecchia mano a mano prende campo e crea almeno due limpide occasioni. La prima al ventiduesimo, palla in profondità di Ruggiero per Pastorelli che si invola tra difesa e portiere presentandosi da solo davanti a Trinchera: defilato sulla sinistra manda la sfera di poco fuori. La più clamorosa però gli capita al trentasettesimo, Gravina si incunea in area e viene atterrato: Contale non ha dubbi e assegna il penalty. Dal dischetto dopo i due errori di domenica va questa volta Gravina, serve a poco visto che si fa ipnotizzare da Trinchera. Terzo rigore sbagliato in due gare, con quello di oggi che peserà e non poco nell’economia della gara. La Perconti col minimo sforzo chiude avanti la prima frazione di gioco. Al ritorno in campo la gara sembra non decollare, la Perconti tiene ancora a debita distanza i neroazzurri dalla propria area, evitando così possibili problemi. Almeno fino al decimo poi finalmente sale in cattedra la Vecchia. All’undicesimo Pastorelli colpisce in pieno il palo, il tiro era partito da fuori area, mentre tre minuti dopo è Bucri, da distanza ravvicinata, a mandare la sfera sulla traversa. Il gol è nell’aria e sul continuo del gioco arriva il pari. Groviglio di uomini in area con Ruggiero che viene colpito, Contale concede il bis e si presenta questa volta La Rosa sul dischetto. Tiro secco all’angolo destro basso e parità ristabilita. C’è il tempo per il sorpasso ma è ancora un palo a frenare i neroazzurri. L’occasione arriva a dieci dalla fine, ed è il legno di destra dopo il tiro di Pastorelli a frenare la rimonta con sorpasso. Sarabanda di cambi senza tante altre emozioni, col fischio finale che decreta il pari per le due compagini. Per quanto visto è un risultato che va stretto alla Vecchia, fin troppo.