Calcio, la Coppa Italia cambia formula

Sia in Eccellenza che in Promozione ci saranno gare secche fino ai quarti. Inizio il 20 settembre, finali il 10 febbraio e l'8 maggio 2021

82

Cambia la formula della Coppa Italia di Eccellenza e Promozione. Gare secche fino ai quarti di finale, la squadra che giocherà in casa sarà decisa in fase di sorteggio, poi per le semifinali si tornerà alla classica formula di andata e ritorno. Questo in considerazione dell’aumento delle squadre partecipanti (48) e delle difficoltà che le società potranno incontrare durante la stagione che verrà. Niente più turno preliminare, ma gara secca con gara di sola andata (sarà il sorteggio in diretta streaming a determinare chi delle due squadre giocherà in casa) fino ai quarti di finale per le 48 squadre ammesse a partecipare, in modo da ridurre al minimo i turni da giocare. In Eccellenza, per determinare le squadre che comporranno gli ottavi di finale, oltre alle 12 qualificate dal secondo turno, verranno ripescate 4 squadre in base ai punti ottenuti nelle prime due gare, al numero dei gol segnati e all’età media dei calciatori impiegati dal primo minuto per almeno 30 minuti di gara. Per la Promozione, invece, i ripescaggi saranno attuati in due fasi (essendo 8 i club da recuperare): la prima al terzo turno, la seconda agli ottavi di finale. Per entrambi i tabelloni si partirà domenica 20 settembre (Governo e Protocollo permettendo), poi lungo stop fino all’8 dicembre, con un gruppo di gare racchiuse in poco meno di un mese per sfruttare i giorni festivi dell’8 dicembre e del 6 gennaio, oltre alla data del 23 dicembre. L’Eccellenza assegnerà il trofeo il 10 febbraio, mentre la Promozione l’8 maggio 2021.