Calcio, Civitavecchia ko a Vignanello in Coppa Italia

Nell'andata della semifinale i nerazzurri perdono per 1-0 contro la Favl Cimini. Tra una settimana il ritorno al Tamagnini

Tante occasioni sprecate e un gol subito che però lascia tutto aperto per il ritorno. Il Civitavecchia perde per 1-0 a Vignanello contro la Favl Cimini nell’andata della semifinale di Coppa Italia di Eccellenza. Ci pensa il solito Vittorini a metà ripresa a porre una distanza, seppur minima, tra la squadra viterbese e la Vecchia. La Vecchia se la gioca in tutto e per tutto, disfa e crea andando più volte vicino al vantaggio, ma esce sconfitta. Da valutare per il match di ritorno, così come per domenica, c’è Samuele Cerroni che è uscito dopo soli sette minuti di gioco per un riacutizzarsi di un problema fisico. Nell’altra sfida il Tivoli per due a uno batte la Lupa Frascati e, così come per la partita del Civitavecchia, tutto si deciderà nei match in programma tra sette giorni a campi invertiti.

FORMAZIONI La Vecchia orfana di Proietti, per lui da scontare c’era la giornata di squalifica, vede Scaccia tra i pali supportato da Mancini, Serpieri, Fatarella e Funari sulla linea difensiva. Centrocampo a due composto da Gagliardi e La Rosa, a supporto del fronte d’attacco composto da Luciani, Ruggiero, Cerroni e Pippi. La PFC piazza Bertollini tra i pali poi, in rigoroso numero di maglia, Braccio, Politano’, Monfreda, Cruciani, Filosa, Paletta, Marinaro, Di Federico, Vittorini e Maggese.

GARA Il primo lampo è della Pfc, al quinto Vittorini di testa appoggia debolmente tra le braccia di Scaccia, poi in ordine d’occasioni le danze le conduce il Civitavecchia. Al ventesimo la prima vera occasione del Civitavecchia capita sui piedi di Ruggiero, esce male la compagine viterbese con Ruggiero che si impossessa della sfera e si presenta a tu per tu davanti a Bertollini ma viene fermato all’ultimo istante. Da segnalare precedentemente c’è il tiro di Mancini finito alto, intorno al decimo, e l’uscita prematura di Cerroni per un riacutizzarsi di un problema fisico al settimo. Le squadre si equivalgono fino al fischio di mezza gara, anche se i brividi al settore locale li mette La Rosa intorno al trentacinquesimo, quando con un fendente scaglia la sfera verso la porta della Pfc che si spegne però di un soffio a lato. Finisce così con un pari la prima frazione. Parte forte la Vecchia nella ripresa e al secondo ha la,sua prima occasione, duetto Panico/Ruggiero con quest’ultimo che si vede respingere la sfera da una prodezza di Bertollini. La compagine locale è chiusa dietro e le occasioni vengono soprattutto con tiri dalla distanza, come al quindicesimo quando Funari vede spegnersi la sfera di un soffio a lato con un tiro dai venticinque metri. Al venticinquesimo sale in cattedra Vittorini che riaccoglie di testa una punizione calciata nel cuore dell’area e brucia Scaccia portando i suoi avanti. Sul finire la Vecchia ci prova a riportare il risultato in parità e ci sono almeno due fatti da segnalare. Nella prima Panico colpisce l’incrocio con un tiro da distanza siderale, si era intorno al trentacinquesimo, mente nella seconda lo stesso Panico viene atterrato in area con il sig. Germano che fa continuare. Finisce così la gara, un uno a zero che da un esiguo vantaggio alla Pfc.

Semifinale andata Coppa Italia

Pfc 1 vs Civitavecchia Calcio 1920 0

Marcatori:

Arbitro sig. Germano di Ostia Lido

Ammonizioni Luciani, Politanò e Braccio

PFC BERTOLLINI BRACCIO POLITANO MONFREDA (2’st Aglietti) CRUCIANI FILOSA (35’st Vincenzi ) PALETTA MARINARO (22’st Napoli) DI FEDERICO (40’st Tabarini) VITTORINI (45’st ONOFRI) MAGGESE Panchina DE VELLIS AGLIETTI VINCENZI TONTONI ONOFRI CORVARELLI NAPOLI ZEGA TABARINI Allenatore Scorsini

CIVITAVECCHIA CALCIO 1920 SCACCIA FUNARI MANCINI LA ROSA SERPIERI FATARELLA LUCIANI GAGLIARDI CERRONI (10’st Panico) RUGGIERO PIPPI (38’st Bersaglia) Panchina D’ANGELO DEIANA CAFORIO LUCHETTI ISTRATE PANICO BERSAGLIA Allenatore M. Castagnari