Autorità Portuale, indagati i vertici per turbativa d’asta

Al centro dell'inchiesta la realizzazione dell'approdo turistico. Indagati Francesco Maria Di Majo, Roberta Macii ma anche Guido e Edgardo Azzopardi

Al centro dell’inchiesta che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati i vertici dell’Autorità di sistema portuale, c’è la realizzazione dell’approdo turistico. Francesco Maria Di Majo, Presidente di Molo Vespucci risulta nella lista di indagati con l’accusa di turbativa d’asta insieme al segretario generale del medesimo ente marittimo Roberta Macii, a Guido e Edgardo Azzopardi,  rispettivamente legale rappresentante di Roma Marina Yachting s.r.l., Port Mobility s.p.a. e Rogedil Servizi s.r.l. e procuratore speciale di Port Mobility s.p.a. Le perquisizioni sarebbero state effettuate negli uffici dell’ente, nelle abitazioni ma anche nelle vetture degli indagati. Il blitz della Guardia di Finanza è iniziato all’alba di questa mattina.