Ormai è ufficiale: Gian Marco Lisi è il nuovo baby sindaco di Allumiere. Ieri pomeriggio, il suo giuramento nell’aula consigliare ha conferito formalmente pieni poteri alla baby giunta, composta interamente da ragazzi tra i 9 e i 14 anni, che si troverà a svolgere funzioni propositive e organizzative in merito a sport, cultura, istruzione, integrazione, ambiente e tempo libero.
“Io sottoscritto Giammarco Lisi – ha giurato solennemente il neosindaco – Sindaco dei ragazzi e delle ragazze di Allumiere, dopo aver ringraziato gli elettori che mi hanno dato fiducia, i miei insegnanti e i miei genitori, Emanuela e Alessandro, per avermi incoraggiato nell’intraprendere questo nuovo percorso, prometto davanti ai cittadini, ragazzi e adulti, di svolgere con impegno, lealtà e sincerità il mio dovere”.
Dopo il giuramento, il baby sindaco, indossando la fascia tricolore donatagli dal sindaco Antonio Pasquini, ha proceduto con le nomine dei suoi collaboratori, che resteranno in carica per tutto l’anno scolastico.
Ad affiancarlo come vice sindaco e assessore alla pubblica istruzione sarà Andrea Vigelini (IV A primaria). Alessandro Paolucci (IB secondaria) sarà il nuovo assessore alla cultura, Agnese Fracassa (II A secondaria) all’integrazione e servizi sociali, Alice Agostini (II B secondaria) all’ambiente, Pier Paolo Ceccarelli (III A secondaria) allo sport e Giulia Pennesi (III B secondaria) al tempo libero. Ai consiglieri Diego Dionori, Jacopo Monaldi, Francesco Verzilli, Lorenzo Cirilli, Mirko Pinardi e Carlotta Pistola verrà presto assegnata una delega.
Durante la cerimonia, a tutti i ragazzi presenti è stata donata una copia della Costituzione.

“Siamo molto soddisfatti – è il commento del sindaco Pasquini- di questa iniziativa portata avanti dall’assessore Tiziana Cimaroli in collaborazione con il nostro facilitatore, Adriano Tani e il gruppo scuola. La finalità del Consiglio dei Ragazzi è quella di proporre una pratica di democrazia vissuta, una buona scuola di cittadinanza attiva. Abbiamo consegnato un importante strumento in mano ai ragazzi: sono certo che sapranno farne tesoro”.