Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Emergenza acqua. "Basta con l'Acea, colleghiamoci ad Hcs"

La ricetta del vicesindaco di S.Marinella, Eugenio Fratturato, per risolvere la crisi idrica

S.MARINELLA - Mentre a Civitavecchia il sindaco Tidei ha avanzato l'ipotesi di chiudere l'impianto di Monte Auggiano e di ricorrere quasi interamente alla fornitura dell'acqua da parte dell'Acea, a S.Marinella, la situazione sembra esattamente all'opposto. Ecco infatti il vice sindaco Eugenio Fratturato che indica come soluzione all'emergenza idrica una rottura con l'Acea e l'allaccio all'acquedotto Hcs. 

Afferma Fratturato: "Tutti i nodi vengono al

pettine, questo diceva mio nonna e così anche per l'acqua siamo arrivati ai nodi. L'incompetenza, l'incuria e l'inefficienza hanno portato gli impianti che forniscono l'acqua ad un tale stato di deterioramento, che oggi dobbiamo avere il coraggio di dichiarare "emergenza acqua".

"Come può succedere una cosa del genere? Di chi è la competenza del trattamento delle acque? Della Acea o della HCS di Civitavecchia? Mentre il Sindaco Tidei "sarebbe pronto ad incontrare il Procuratore per raccontare di un sospetto di sabotaggio", a Santa Marinella gli utenti si organizzano come possono, per reperire acqua potabile.

"Santa Marinella ha sofferto per anni la carenza dell'acqua, principalmente nelle stagioni estive, e i dipendenti comunali assegnati all'acquedotto, riuscivano comunque a garantire, con varie manovre di apertura e chiusura delle valvole, l'acqua potabile a tutta la città.

"Non è più accettabile questa dipendenza dall'ACEA che non fornisce proposte o soluzioni, pertanto è mia intenzione verificare con i tecnici comunali la possibilità di utilizzare le due pompe di sollevamento posizionate una presso il Campo sportivo e l'altra in zona Valdambrini, per pompare l'acqua potabile dal basso verso l'alto così da immettere nelle condotte l'acqua potabile e chiudere l'allaccio con l'acquedotto della HCS.

"Non è più tollerabile che i cittadini debbano pagare le conseguenze di una mala gestione che potrebbe avere effetti seri sulla loro salute".

La discussione di questo articolo è bloccata. Non è possibile inserire nuovi commenti.

Share |

Appunti

Governo e mondo del lavoro: Pd quo vadis?

di PIERO ALESSI

Quanto avvenuto a Roma, ai danni dei lavoratori delle acciaierie di Terni, merita riflessioni che, per quel che mi riguarda, non possono che essere amare.

Segue...