Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Spiagge di Civitavecchia inaccessibili ai disabili

Voglia di mare ma per me e per altre persone che come me sono sulla sedia a rotelle la voglia di mare tale rimane. Ma possibile che su tutti i chilometri di costa di Civitavecchia non ci sia un posto dove poter fare andare al mare un disabile, siamo in pieno oscurantismo.

Lo scorso anno sulla marina l'associazione il Melograno aveva attrezzato una spiaggia accessibile dotata di tutti i confort compresi gli accompagnatori, pulita, ospitale e gratuita. Forse funzionava troppo bene?
All'inizio della stagione ho chiamato il responsabile del Melograno. "Massimo quando attrezzate per venire a mare", risposta "quest'anno non abbiamo la concessione". Allora ho chiamato un amico e gli ho chiesto "dove posso andare a mare?", risposta "bella domanda", e dopo "prova al Pirgo".
Ci ho provato, vero sono arrivata in spiaggia con la carrozzina ma insieme a me tanti bei toponi e tanti escrementi, al chè la decisione di andare in piscina. Ma ha senso che in una città di mare, affacciata sul mare, una persona con mobilità ridotta debba andare in piscina oppure nulla? La marina tutta è un disastro, sporca, impraticabile, una vergogna. Al mare sotto casa e non si può andare e non solo io disabile, anche chi cammina rischia molto. A chi devo anzi dobbiamo chiedere aiuto per poter andare al mare? Eppure non chiediamo molto solo accessibilità, tutte cose previste dalle normative, perchè non si obbligano i gestori dei tratti di spiaggia, là dove ci sono, ad adottare tutti i sistemi per l'abbattimento delle barriere architettoniche? Perché il comune non rinnova le concessioni a chi, a propria cura e spesa ci rende la vita più vivibile? Ovvero perché il comune non provvede in proprio? Caro sindaco e cari amministratori (ovviamente il caro è polemico), quale è la molla che vi spinge a non considerare i diritti di tutti, eppure sui doveri siete chiarissimi. Volete costruire una rupe Tarpea per gettare i disabili oppure volete approfittare di quella al Campidoglio? Purtroppo la vita non sappiamo cosa ci riservi, guardiamo lontano, entriamo in europa o forse solo al nord Italia, gettiamo uno sguardo a quei comuni sul mare che hanno adottato sistemi semplicissimi per dare autonomia ai disabili, non tutto quello che ci circonda è brutto, cattivo o contaminato non tutti sono collusi o di parte, come sembrate pensare. L'unica parte che conosco è quella di chi deve privarsi di tante cose perché la vita non è stata clemente e soprattutto perché la città con i suoi amministratori in primis, se ne frega, ed io resto con la voglia di mare.

Elena De Paolis

Share |

Le opinioni

“Stress da inquinamento”

di MARCO DI GENNARO*

L'inquinamento antropogenico dell'aria, in particolare da PM 2.5 ( polveri sottili di diametro < 2.5micron ), è uno dei più importanti pericoli per la salute a livello mondiale. Già oggi esso si colloca al quinto posto dopo ipertensione, fumo, iperglicemia, ipercolesterolemia come fattore di rischio a livello globale per morbilità e mortalità.

Segue...

Appunti

Pasquino/La malattia

Adè 'na vera e propria malattia:
Vonno fà tutti er primo cittadino.
"Io no? Perché? So forse più cretino?
Ciò un bel soriso, ciò la simpatia.

Segue...