Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Legge fallimentare: al tribunale di Civitavecchia resta la competenza in materia concorsuale

tribunale 325Il Presidente dell'Ordine degli Avvocati Paolo Mastrandrea, ed il Presidente dell'Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili Cristiano Sforzini ringraziano il senatore Astorre e i deputati Minnucci e Tidei

CIVITAVECCHIA - La riforma della legge fallimentare ieri mattina è stata approvata in via definitiva dal Senato. Il Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, Avv. Paolo Mastrandrea, ed il Presidente dell'Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili, Dott. Cristiano Sforzini, avevano evidenziato il pericolo del demansionamento dei Tribunali con un organico inferiore ai trenta magistrati, tra cui Civitavecchia, appellandosi alle forze politiche ed istituzionali per unirsi contro una riforma che avrebbe depauperato il circondario del Tribunale di Civitavecchia.

"Il concetto da difendere è che non è possibile migliorare il servizio di giustizia allontanando i luoghi di giustizia dai cittadini e onerandone oltre misura l'accesso, facendo carta straccia delle professionalità locali. Grazie ad un ordine del giorno presentato dal Senatore Astorre – spiegano Paolo Mastrandrea e Cristiano Sforzini -, il Governo si è oggi impegnato ad accogliere nella legge delega l'indirizzo di mantenere la competenza in materia concorsuale dei Tribunali oltre i 200 mila abitanti, nel cui novero vi è Civitavecchia".

Cristiano Sforzini e Paolo Mastrandrea ribadiscono l'impegno assunto verso i colleghi e i cittadini, ringraziando il Sen. Bruno Astorre, l'On. Marietta Tidei e l'On. Emiliano Minnucci per "l'incondizionata disponibilità verso il territorio e le sue risorse economiche, imprenditoriali e professionali".

Share |