Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Abbandono rifiuti, Cerveteri chiede il contributo della Città Metropolitana

La Giunta ha approvato la delibera con la quale si dà mandato al sindaco di trasmettere a Città Metropolitana la domanda di partecipazione al bando per la concessione di contributi finanziari

abbandono rifiuti

CERVETERI - L'amministrazione comunale di Cerveteri prova a contrastare l'abbandono dei rifiuti e lo fa da una parte nominando un delegato ad hoc che lavorerà fianco a fianco con l'assessore all'Ambiente Elena Gubetti, e dall'altro partecipando al bando indetto dalla Città Metropolitana per la concessione di contributi finanziari per la realizzazione di progetti relativi ad attività di controllo e tutela ambientale.

Non è la prima volta che il Comune partecipa, ottenendo 40mila euro. Progetto, quello messo in campo col precedente contributo finanziario che "sta permettendo all'Ente - si legge nella delibera di Giunta - di ottenere buoni risultati sia attraverso un continuo monitoraggio del territorio, sia attraverso campagne di sensibilizzazione della cittadinanza verso un corretto conferimento dei rifiuti".

Qualora la richiesta dovesse essere accolta il Comune attiverà un niovo progetto per "estendere e rafforzare le attività di controllo, monitoraggio, nonché di comunicazione volte a tutelare l'ambiente ed educare l'utenza anche mediante il coinvolgimento di molti studenti".L'importo stimato dall'amministrazione Pascucci per la realizzazione del progetto è di 32.950 euro. Il Comune dal canto suo si impegna a inserire nel bilancio di previsione 2018 la somma di 3.295 euro (il 10% del totale) necessari "alla realizzazione del progetto, in quanto non coperta dal contributo di Città Metropolitana di Roma Capitale, il cui importo massimo concedibile è pari a 30mila euro, relativamente al quale saranno assunte specifiche e separate determinazioni".

Share |

Appunti

Pasquino/Li clikke

Co li clikke diventi senatore
Co li clikke diventi deputato,
Nun c'è bisogno che ce passi l'ore
Su li libri a studià come un forzato.

Segue...